Massoterapia

E' una tecnica riabilitativa e preventiva che si fonda essenzialmente sull’applicazione di massaggi. Con questo termine si include infatti l’insieme di cure realizzato tramite massaggi a varie parti del corpo.
  
Si può trattare tutto il corpo o solamente alcune zone, generalmente si esegue sul collo, sulla schiena e sulla coscia (quadricipite). Le mani del fisioterapista si devono muovere lungo la direzione delle fibre dei muscoli superficiali, seguendo il senso della circolazione venosa, cioè verso il cuore. Per la mia esperienza, il massaggio terapeutico che dà i migliori risultati è intenso e profondo, ma non bisogna applicare troppa forza perché si rischia di fare male al paziente. Per l’esecuzione del massaggio si utilizzano degli olii essenziali o creme riscaldanti, così si scalda il corpo, migliorando la circolazione del sangue (ipertermia). Il fisioterapista deve avere una postura comoda ed è importante che esegua questo trattamento con delicatezza e con il piacere di farlo.

Questa terapia dà ottimi risultati nel trattamento di cervicalgie e lombalgie, attenua i sintomi dell’infiammazione, inoltre diminuisce la rigidità e il dolore causato dallo stress o dalla tensione emotiva. Generalmente, il massaggio terapeutico cervicale attenua i sintomi della cefalea muscolo-tensiva che origina dal collo. È utilizzato per il trattamento delle cicatrici post-chirurgiche perché contribuisce a sciogliere le aderenze dei tessuti e rende più morbido e fluido il movimento. Oltre ai benefici sul corpo, la massoterapia ha un effetto rilassante, in particolare per le persone emotive e ansiose, milgiora l’umore, distrae dalle preoccupazioni quotidiane e dallo stress. Gli effetti diretti sono:

 

  • Migliora la circolazione: accelera il rifornimento di ossigeno, di sostanze nutrienti e la rimozione delle scorie metaboliche;
  • Ha un’azione decontratturante sui muscoli, allevia il dolore muscolare, il mal di schiena e il male al collo;
  • Rafforza il sistema immunitario, perchè stimola il circolo linfatico che elimina: virus, batteri, scorie, tossine ecc.;
  • Scioglie le aderenze dei tessuti superficiali e profondi;
  • A livello dei nervi, innalza la soglia del dolore e velocizza la conduzione nervosa;
  • Il calore sviluppato a livello della zona trattata provoca gli effetti tipici della terapia del calore (vasodilatazione, ipertermia, accelerazione delle reazioni cellulari e aumento dell’elasticità delle fibre collagene dei tendini). 

Ci sono varie tecniche di massaggio:
 - Sfioramento
La manovra con cui si avvia e si termina il massaggio. Consiste solamente in uno scivolamento della mano sulla pelle, senza pressione. Con lo sfioramento si predispone il paziente alle manovre successive.
 - Sfregamento
Si incrementa la pressione sulla cute. E’ fondamentale perché anticipa e conclude ogni altra manovra
 - Frizione
Si distingue dall’azione precedente in quanto la mano del terapista mantiene continuamente il contatto con la pelle ed effettua una frizione sullo strato superficiale e su quello profondo.
 - Impastamento
Questa manovra (applicabile su massa muscolare) consiste nel pinzare, sollevare e spostare in maniera trasversale il muscolo esercitando una pressione del pollice contro  le dita della mano contrapposta.
 - Pressione
Si esercita tramite una pressione perpendicolare alla pelle del paziente e facilita il riassorbimento nei casi di edemi o difetti vascolari.
 - Percussione
Si attua tramite una serie di picchiettamenti rapidi e veloci delle dita. Determina un netto miglioramento della vascolarizzazione muscolare ed è consigliata in lesioni che hanno causato ipotrofia.
 - Vibrazione
La vibrazione si effettua con movimenti brevi e rapidi, tesi a sbrogliare le aderenze fra i muscoli.

Quali benefici procura la massoterapia?

La massoterapia produce un sensibile miglioramento della vascolarizzazione, aumenta l’elasticità della pelle e dei muscoli, determina un effetto rilassante e riesce ad alleviare il dolore con un effetto sedativo. Non solo migliora la circolazione linfatica ma scoglie le contratture muscolari.
Descrizione immagine