Descrizione immagine

Anatomia Anca

L'articolazione dell'anca, chiamata anche coxo-femorale, è
una classica enartrosi, ovvero un'articolazione le cui
superfici articolari sono costituite da un osso con forma sferica, o
semisferica, e da una concavità, sempre sferica, che lo contiene. Due classici
esempi di enartrosi sono l'articolazione
della spalla
e dell'anca. Queste articolazioni sono le più mobili in
assoluto, consentendo movimenti di rotazione e circumduzione, flessione ed
estensione, adduzione e abduzione.

 

Nell'articolazione dell'anca la testa del femore, che ha una forma pressoché
sferica di 4-5 cm di diametro, si articola con il bacino, che possiede una
cavità emisferica (acetabolo) in grado di alloggiarla quasi perfettamente. Il
labbro dell'acetabolo è una protuberanza di tessuto connettivo
che amplia la superficie dell'acetabolo, consentendo di avvolgere in modo più
completo la testa del femore e svolgendo altresì una funzione di contenimento
dell'articolazione. 

 

Legamenti dell'articolazione dell'anca

 

Al centro della cavità dell'acetabolo (cavità glenoidea) si trova una
depressione a forma di quadrilatero, non rivestita da cartilagine, nella quale
si inserisce il legamento rotondo del femore, che si inserisce
sulla testa del femore in una zona chiamata "fo­vea capitis"
(fossetta della testa del femore). Questo legamento non è particolarmente teso,
come lo sono abitualmente i legamenti interossei (come i legamenti
del ginocchio
, per esempio).

 

L'articolazione è mantenuta in sede anche dalla capsula
articolare
, un manicotto fibroso che avvolge l'articolazione ed è
ulteriormente rinforzato da tre legamenti, che non sono altro che ispessimenti
della capsula stessa: l'ileofemorale,
l'ischiofemorale e il pubofermorale.

 

Completa le strutture legamentose di supporto la zona
orbicolare
, un fascio di rinforzo situato sotto la capsula, in
posizione profonda, che staccandosi dal'acetabolo "abbraccia" il femore tornando
a collegarsi al punto di origine.

 

La membrana sinoviale riveste la superficie interna della
capsula articolare, avvolgendo completamente il legamento rotondo.

 

Anatomia dell'articolazione dell'anca

 

Muscoli dell'anca

 

I muscoli dell'anca si inseriscono sul femore, sul bacino e sulla colonna
vertebrale consentendo i molteplici movimenti che l'anca può compiere.

 

Di seguito trovi un elenco dei muscoli dell'anca in funzione del movimento ai
quali contribuiscono.

 

Rotazione esterna: grande gluteo; medio e piccolo gluteo;
ileopsoas; adduttore breve, lungo e grande adduttore; piriforme; sartorio;
pettineo; otturatore esterno; otturatore interno; quadrato del femore.

 

Rotazione interna: medio e piccolo gluteo; tensore fascia
lata; grande adduttore.

 

Estensione: grande gluteo; medio e piccolo gluteo; grande
adduttore; piriforme; semimebranoso; semitendinoso; bicipite femorale (capo
lungo);

 

Flessione: ileopsoas; tensore fascia lata; pettineo;
adduttore lungo; adduttore breve; gracile; retto femorale; sartorio.

 

Abduzione: medio gluteo; tensore fascia lata; grande gluteo;
piccolo gluteo; piriforme; otturatore; interno.

 

Adduzione: grande adduttore; adduttore lungo; adduttore
breve; grande gluteo; gracile; pettineo; quadrato del femore; otturatore
esterno.

Descrizione immagine
Descrizione immagine